La musica degenerata: il violista Stefano Zanobini interpreta sei brani per viola sola

ASCOLTANDO I/1: inizia con questa recensione la serie di presentazioni di CD di Luisa Antoni

Nel 2010 la label NovAntiqua Records ha iniziato a pubblicare un ciclo di CD, dedicati a musicisti che sono stati in un modo o nell’altro vittime del nazismo e sino ad oggi sono stati dati alle stampe 4 volumi. I primi tre hanno come protagonista l’ensemble Alraune, il terzo si avvale della collaborazione del mezzosoprano Federica Carnevale. Il quarto ha, invece, un unico esecutore: il violista Stefano Zanobini.

Il ciclo di CD, che ha in previsione un’ulteriore uscita a settembre 2022, reca il titolo Musica & Regime, ha proposto brani, di quelli che vennero definiti i compositori ‘degenerati’, intendendo con questo termine i compositori che non rientravano nei canoni stilistici del Reich o che erano di origini ebraiche. In tutte e quattro le pubblicazioni, sinora uscite, gli esecutori hanno inserito un brano in prima registrazione assoluta.

L’ultima uscita di Musica & Regime, la nr. 4, si compone di due CD, per un totale di 85 minuti di musica. I compositori, che il violista Stefano Zanobini ha incluso nel suo doppio CD solistico, sono Adolf Busch (1891-1952), Günter Raphael (1903-1960), Paul Hindemith (1895-1963), Béla Bartók (1881-1945), Gideon Klein (1919-1945) e Sándor Vándor (1901-1945), tutti compositori che vennero banditi per motivi diversi dal Reichmusikkammer (Dipartimento di Musica del Reich). Si tratta di musicisti molto diversi tra loro e l’ascolto dei due CD ci da un’idea della ricchezza estetica, poetica e stilistica dei decenni tra il primo dopoguerra e l’inizio della Seconda guerra mondiale. Ci sono compositori che si schierarono apertamente contro il nazismo, come Adolf Busch, violinista e compositore molto amato in Germania che però criticava apertamente le scelte politiche del regime, tanto da rinunciare alla cittadinanza tedesca, per trasferirsi nel 1927 a Basilea e nel 1939 in USA, dove fu impegnato sia come concertista che come insegnante; o Paul Hindemith, che inizialmente collaborò con il regime, ma la cui musica non suonava abbastanza eufonicamente, così da essere costretto ad emigrare in USA nel 1940; o Béla Bartók che, dopo la proclamazione della Entartete Musik (musica degenerata) si autodenunciò e chiese di essere inserito nell’elenco dei musicisti non graditi. Mentre gli altri tre compositori, presenti nel CD, Raphael, Klein e Vándor furono di origini ebree: Raphael si salvò grazie a un lungo ricovero in ospedale, Klein venne rinchiuso a Terezin e poi deportato ad Auschwitz, mentre Vándor fu arrestato e barbaramente torturato dalle SS.

Il doppio CD si propone all’ascolto con una bellezza e ricchezza di dimensioni sonore, rese vive e diversificate con gusto e sensibilità dalle interpretazioni di Zanobini. Stefano Zanobini, che ha studiato con Piero e Antonello Farulli e Danilo Rossi, si è perfezionato in Germania con Nobuko Imai alla Musikhochschule di Detmold e di Norimberga. Oggi è Prima Viola dell’ORT Orchestra della Toscana, membro fondatore dell’ensemble barocco Alraune e preparatore di ÂME Amateur Music Ensemble presso la Scuola di Musica di Fiesole.

L’asse, intorno al quale ruota il progetto discografico, è il brevissimo frammento dal titolo Mesto che Bartók ha posto come incipit solistico di viola al suo sesto quartetto, una sorta di lamento che l’interprete e gli editori hanno voluto investire di un significato commemorativo per ricordare i compositori morti a causa della furia nazista. Prima del Mesto bartokiano ci sono la Suite di Busch e le due Sonate di Raphael e Hindemith che ben rappresentano il percorso di sviluppo della musica del XX secolo, un percorso che ci porta dagli echi bachiani di Busch attraverso la risoluzione e sublimazione di questi echi nella temperie musicale tardo romantica per giungere al mondo musicale ben più contemporaneo di Hindemith. Fanno da contraltare a questa prima parte il Praeludio di Gideon Klein e la Sonatina di Sándor Vándor, meno imponenti e più interiorizzati.

Il doppio CD risulta essere di piacevole ascolto, grazie anche alla magistrale interpretazione di Stefano Zanobini che è sicuramente uno dei violisti più interessanti della sua generazione.

Qui sotto i link:
… all’intervista su Youtube: https://www.youtube.com/watch?v=L2aoPFsaZZw
… alla trasmissione radiofonica Sonoramente Classici per Radio Capodistria: https://www.rtvslo.si/4d/arhiv/174749048?s=radio_ita
… alla presentazione per la trasmissione Quarta di Copertina per TV Capodistria: https://www.rtvslo.si/4d/arhiv/174769617?s=tv_ita

Share on facebook
condividere su Facebook
Share on twitter
condividere su Twitter
Share on linkedin
condividere su Linkdin
Share on email
invia una mail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.